33 e 1/3 – Consigli per gli ascolti – N 18

, , commenti

33 e 1/3 - Consigli per gli ascolti

Daniel Wang – “Like Some Dream I Can’t Stop Dreamin’” [The Look Ma No Drum Machine EP, Balihu Records, 1993]

Daniel Wang The Look Ma No Drum Machine EP copertina

Californiano di origine taiwanese, esordisce nel 1993 con il primo EP su Balihu Records da lui stesso fondata, di cui è uscito di recente un “best-of”. In questo pezzo disco-house Daniel Wang riprende un vocal di “One For The Money delle Sleeque; un uso del campione molto particolare, perde totalmente il taglio happy-disco dell’originale e viene ridisegnato in chiave soul-psychedelic grazie al tappeto di oscillatore e shakers acidi. Un sound che ha 16 anni, eppure così attuale.

My house is your house.

Guarda il video

Daniel Wang Myspace

 

 

TTC – “Dans Le Club” [Dans Le Club, Big Dada Recordings, 2004]

TTC Dans Le Club copertina album

TTC è un collettivo di rapper francesi (sei, per la precisione), fondato dal famoso Tékilatex. La base di questo pezzo, in stile 8-bit, è stata prodotta da un personaggio di spicco della scena elettronica francese, Para One. Ma qual’è il legame tra Para One e TTC? è la Institubes, label di punta dell’elettronica francese (neanche l’Ed Banger è riuscita a metterla in ombra) tra cui troviamo anche Surkin. E per chi come il sottoscritto non dovesse digerire il rappato francese, ecco anche la versione strumentale.

Quando la base batte il cantato.

Guarda il video

TTC Myspace

Darlin’ – “Cindy So Loud” [Darlin' EP, 1992]

Darlin - Darlin copertina album

Erano tre ragazzi dai capelli lunghi, amanti dei Beach Boys e con tanta voglia di emergere come surf-rock band. Un sound al limite dell’imbarazzante, un falsetto da far rabbrividire i Bee-Gees. Erano Guy-Manuel De Homem Christo, Thomas Bangalter e Laurent Branco, rispettivamente i due Daft Punk ed 1/4 Phoenix. La critica non fu magnanima con loro, e da qui la spiegazione del nome che in futuro ha riservato oro e alloro per i due robots.
Una svolta misteriosa.

Guarda il video

Darlin’ Myspace

David Freeman

Groove Armada – Paris (Soundboy Rock – 2007 – Columbia/Sony BMG)

Groove Armada Soundboy Rock album copertina

Originari di Cambridge, sono partiti dai club di Londra nei primi anni 90. Si sono conosciuti grazie ad un’intuizione della ragazza di uno dei due, Andy Cato il quale grazie a lei si è avvicinato alla scena musicale di Cambridge dove presto ha incontrato Tom Findlay. La passione per il funk, l’house, il jazz e la dance music li unisce subito, infatti il progetto nasce presto con il nome di un locale super kitsch di Londra, il “Groove Armada”, dove il duo si gudadagnò il primo pubblico.Se con primi lavori avevano sucesso nei lounge bar con il singolo If Everybody Looked The Same cominciarono a conquistare le discoteche.  Fondamentale per la fama del gruppo è stata la figura di Fat Boy Slim, il quale produsse il remix del pezzo I see you baby che ottenne grande successo. Inizia da qui il periodo dei remix che gli porta al grande successo. La loro produzione musicale è molto varia, partendo dal jazz ambient alla disco, dalla house al funky, dalla musica campionata alla strumentale. Questo brano tratto dal loro album “Soundboy Rock” del 2007 è un pezzo molto particolare con arrangiamenti di pad e archi e riff di batteria che creano la sensazione che il pezzo possa esplodere anche se rimane pacato, il pianoforte e la voce ricordano la house music, ma in questo pezzo non c’è la cassa sui quarti.

Yo!

Guarda il video!

http://www.myspace.com/groovearmada

Click Box – Dance of the Sugar Plums Fairy (Dance of the Sugar Plums Fairy – 2008 – M_nus)

Click Box – Dance of the Sugar Plums Fairy album copertina
Non so molto di questi due DJ produttori, però questo loro pezzo per me è fenomenale. I due sono Pedro Turra e Marco A.S. alias Click Box. Sono originari del Brazile, San Paulo, ma producono la loro musica in Germania. La loro discografia è comunque già consistente anche se producono dal 2005, comprendente di molte realease di EP, Remixes e apparizioni in svariate compilation. Questo brano ha la capacità di unire due mondi diversi, quello della fantasia e l’immaginazione stile Tim Burton e quello dell musica minimale dal basso deciso e le percussioni secche. Il merito è nella capacità con cui I due hanno miscelato I suoni elettronici con il campione del brano omonimo di un opera di Tchaikowsky suonata con un particolare strumento formato da una specie di tastiera composta da “ciotole” di vetro che strofinate emettono un suono molto flebile e evanescente. Ho trovato il video di una performance.

Yo!

Guarda il video!

http://www.myspace.com/clickbox

Cor Veleno – Un mestiere qualunque (Heavy Metal –  2004 – La grande onda)

Cor Veleno Heavy Metal album copertina

Trio di Roma, i Cor Veleno sono tra quei rapper che hanno avuto più spazio nelle radio e televisioni italiane, forse anche prima del boom del rap con Fabri Fibra e i Club Dogo. Sono gli mc Primo Brown e Grandi Numeri e il beatmaker Squarta. Nonostante Primo qualche anno fa pompasse il fatto di rimanere sempre grezzo e di “registrare le strofe in una botta sola” quando ha annusato l’odore del successo, che comunque è rimasto contenuto, ha cominciato ha scrivere testi più delicati ed a trattare tematiche piuttosto leggere e popolari come l’amore. Grandi Numeri che tra i due mc è quello che meno si nota e che spesse volte resta in secondo piano non poteva altro che seguire la mente del gruppo. Per quanto riguarda Squarta, si può dire che è un produttore molto valido che nella sua carriera ha prodotto basi di diverso stile, passando dai sample più east, a sonorità più elettroniche, da club fino a doversi adattare alle esigenze di mercato e comporre strumentali più soul e cantabili, vedi il loro singolo Dillo un’altra volta. Però se sono arrivati alla fama è perchè ci sanno fare e hanno saputo in passato come essere profondi e pieni contenuto. Questo pezzo in cui canta solo Primo Brown ne è una prova tangibile. Peccato che nel video per creare un effetto strano nei momenti clou del testo si riverbera tutto a manetta rovinando un po’ il momento del brividino.

Yo!

Guarda il video!

http://www.corveleno.com/

Regular John

Leggi articolo precedente! successivo!