33 e 1/3 – Consigli per gli ascolti – N 3

, , commenti

 

33 e 1/3 Consigli per gli ascolti

Akufen – Deck the house (My Way – 2002 – Force Inc. Records)

 

Akufen - My Way

Marc Leclair alias Akufen è un produttore visionario di Montreal, Canada. Se ha deciso di intitolare il suo primo album “My Way”“A modo mio” – è perchè ha uno stile unico: master della Microhouse, Akufen utilizza, per la composizione delle dieci tracce del suo LP, più di 2000 microcampioni registrati random (in maniera casuale) dalla radio. Il pezzo “Deck the House” è l'apoteosi della sua tecnica: riesce a creare groove e melodia montando uno dopo l'altro una fitta sequenza eterogenea di samples (campioni) svarionanti. Di primo acchito, il risultato non è particolarmente orecchiabile, anzi può risultare addirittura fastidioso, infatti la scarica di suoni, apparentemente senza nessuna relazione tra loro, quasi ti disorientano e non riesci a cogliere dove voglia arrivare con quel casino. Non resta che avere un po' di pazienza ed aspettare l'entrata del beat…e lì è la svolta.

Una curiosità: il nome Akufen (che si pronuncia Akufén) deriva dalla parola francese “acouphène”, cioè quel disturbo che provoca dei rumori tipo fischi, ronzii, fruscii, crepitii ecc, percepiti dall'orecchio come provenienti dall'esterno ma in realà creati dal cervello. Roba da matti.

 

Yo!

Guarda il video!

 

Bobby Womack – 110th Street (Across 110th Street Soundtrack – 1972 – United Artists)

Across 110th Street

Singolo composto da Bobby Womack, cantautore Soul e R&B statunitense, per la colonna sonora dell'omonimo film del 1972 diretto da Barry Shear. Venticinque anni dopo è stato riutilizzato per la soundtrack del film Jackie Brown di Quentin Tarantino (filmazzo!) e nel 2007 si sente come sottofondo in una scena di American Gangster di Ridley Scott. Bobby, scoperto da Sam Cooke negl'anni Sessanta, ha una discografia infinita a partire da “Fly me to the moon” del '69 all'ultimo album del 2006, “Post”. Recentemente ha collaborato con artisti attuali quali Gym Class Heroes, Destiny's Child e Gorillaz. “Across 11th Street” – la canzone - è tripudio di campioni che farebbero venire l'acquolina in bocca a qualsiasi producer hip hop amante del “beat east classico”*. Ricordo di aver sgamato il campione su un pezzo di una compilation rap di un etichetta indipendente di Detroit – Definition – Neblina Records – però non ricordo quale traccia. Se la trovate da qualche parte provate a vedere se lo riconoscete. Il figo che in questa compila c'è un pezzone, “Più fuoco” di Giuann Shadai, un rapper di Gorizia di cui sentirete parlare presto.

 

Yo!

 

*ascoltati qualsiasi canzone dei Gangstarr! Dj Premier alla produzione…

 

Guarda il video!

 

www.bobbywomack.com

 

Dj Gruff ft.Karima & Giuliano Palma – Senza te (O tutto o niente – 1999 – SDS Suoni di Strada)

Dj Gruff - O tutto o niente

Dj Gruff è un pezzo di storia dell'hip hop italiano: MC (Master of Cerimonies), turntablist (dj specializzato nello scratch) e produttore attivo dal '94. Ha fatto parte della prima crew di successo in Italia ovvero i Sangue Misto, a cui appartenevano anche Neffa e Deda, e dell'Alien Army, la prima crew di turntablist italiana. Insomma è uno dei padri fondatori della cultura hip hop nel nostro paese. Ha all'attivo 19 album tra progetti di gruppo e lavori da solista che spaziano dal rap oldschool nostrano, al rap sperimentale, alla “scratch music”, all'elettronica e altro ancora. In questo pezzo Gruffetti ci racconta, con la sua metrica irregolare e la sua rappata sussurrata, di una storia d'amore che si sta spegnendo. Le melodie e i versi poetici del ritornello, interpretati da Karima (di cui è difficile reperire informazioni) e da un Giuliano Palma pre-Bluebeaters, creano un'atmosfera malinconica ed emozionante. La produzione di Dj Gruff molto scarna ma allo stesso tempo molto calda, ha un giro di basso che fa da colonna portante. Se fosse stato prodotto un video per questa canzone e avesse girato nei giusti circuiti sarebbe stata molto probabilmente una hit. Sottovalutata.

 

Yo!

Guarda il video!

 

Regular John

 

Leggi l'articolo precedente! successivo!

Leggi l'articolo di David Freeman!

33 e 1/3 – Consigli per gli ascolti – N 3

, , commenti

Jackson And His Computer Band – “Fast Life” [Smash, Warp Records, 2005]

Jackson And His Computer Band – Fast Life

 

 

 

 

 

 

Smash, album di debutto di Jackson Fourgeaud, compositore parigino dal talento raro. Per chi si è mai chiesto da dove abbia preso ispirazione SebastiAn questa è la risposta. Musica classica moderna, strings e pianoforti al servizio di ritmiche break-beat condite da cori di angeli caduti. Fast Life è un pezzo dalla stesura originale, senza una struttura definita, un po' come tutti i brani dell'album in cui compare anche la madre come cantante.
Genio

Guarda il video (non ufficiale)

www.myspace.com/jacksonand

Client – “Can You Feel?” [Command, Loser Friendly Records 2009]

Client – Can You Feel?

 

 

 

 

 

 

Le Client sono 3 fanciulle inglesi che si esibiscono vestite da hostess scandinave, il loro progetto musicale electro-clash ricorda nomi come Ladytron e Vive La Fete. La chiave del successo del loro sound è il contrasto tra la strumentazione aggressiva e distorta con le loro voci candide e bugiarde. Scoperte dal produttore dei Depeche Mode raggiungono l'apice con l'album Command, da cui il singolo estratto. Per contribuire al gossip, una delle tre Client, Kate Holmes (aka Client A) è sposata con Alan McGee, owner della Creation Records (qualcuno si ricorda degli Oasis?).
Brave Ragazze

Guarda il video

www.myspace.com/client

 

Black Box – “Ride On Time” [Dreamland, BMG, 1990]

Black Box - Ride On Time

 

 

 

 

 

 

Uno degli innumerevoli progetti dance anni '90 che tutti attribuiscono a qualche cantante di colore dai denti bianco smagliante e poi scava scava sono tutti italiani e la cantante fa solo da ragazza immagine (ai Corona fischiano le orecchie). Chi non ha mai ballato questa canzone da piccolo? Magari anche cantando “Lo so già! Lo so già!” (You're such a) campione da “Love Sensation” di Loleatta Holloway.
No more shame

Guarda il video

Wiki di Black Box

 

David Freeman

 

Leggi l'articolo precedente! successivo!

Leggi l'articolo di Regular John!